Agriturismo a Grosseto | Il Bagnolo | Alla scoperta di Roselle

Per le tue vacanze in Maremma scegli l’Agriturismo il Bagnolo, l’Agriturismo a Grosseto a due passi dalla storica Roselle.

Area archeologica più importante della Toscana è stata un tempo una città etrusco-romana…

Roselle, fondata dagli Etruschi nel VII secolo a.C, sorge su un colle che si affacciava sulla sponda orientale del Lago Prile. Un lago di circa 90 chilometri che si estendeva sulla pianura grossetana, ma che pian piano si è prosciugato, fino a rimanere una piccolissima porzione che corrisponde all’odierna Riserva Naturale della Diaccia Botrona. 

Con la sua posizione geografica favorevole riusciva a controllare il bacino del fiume Ombrone, permettendole di svilupparsi molto rapidamente, fino a diventare una delle dodici città stato Etrusche, a differenza di un’altra città, sempre etrusca,che si affacciava sulla sponda nord occidentale dello stesso lago, Vetulonia.

Nel 294 a.C. per mano del console Lucio Postumio Megello, Roselle venne conquistata da Roma. Durante il periodo romano, grazie a potenti famiglie, la città, conobbe un periodo di splendore ricco di importanti opere di edilizia come la costruzione dell’anfiteatro, del foro, della basilica e delle terme.

Successivamente, nella tarda età imperiale, come per tutte le altre città romane, iniziò un periodo di decadenza. Nonostante divenne sede vescovile nel V sec. d.C. , nel Medioevo era nulla di più che un centro modesto. Ma la vera e propria decadenza di Roselle avvenne nel 1138 quando la sede vescovile venne trasferita a Grosseto; iniziò così un lento ma inesorabile declino che si concluse nel XVI secolo quando la città venne definitivamente abbandonata.

Partendo alla scoperta di ciò che resta delle popolazioni che hanno dato vita alla città di Roselle, rimarrete sicuramente affascinati e piacevolmente colpiti dalle mura ciclopiche etrusche, che vennero innalzate nel VI secolo a.C, che circondano tutta la città per ben 3270 metri. Queste, che insieme all’anfiteatro rappresentano gli unici elementi del passato completamente intatti e mai interrati nel corso dei secoli. 

Percorrendo la strada che conduce al sito archeologico di Roselle, che è posizionato nel punto in cui si apriva una delle sette porte di Roselle, attraverserete un’antica necropoli etrusca del VII-VI secolo a.C. composta da tombe a camera ed un esempio di tomba a tumulo. Sarà possibile inoltre osservare terme private e pubbliche, resti dell’antiche botteghe e della basilica…e tanto altro ancora!